Salvatore Barbuscia - Instradandoincampo

Bookmark and Share
Vai ai contenuti

Menu principale:

Salvatore Barbuscia

staff

Ho 40 anni e vivo con la mia famiglia a Caselle Lurani (Lo). Ho una moglie eccezionale e una splendida signorina, la nostra Aurora.
Sono nato e cresciuto a San Giuliano Milanese frequentando l’ambiente oratoriano e mangiando pane e pallone come tanti miei compagni di ventura.
Compagnie numerose e capitoli ricchi di avventure da raccontare. Momenti densi di ricordi sempre allegri, spensierati e felici.
Oggi nel mio lavoro vivo fortunatamente senza assilli. Amo il sociale, i bambini e le fasce deboli ed amo farli divertire. La mia massima felicità è scorgere il sorriso nella gente. In generale tentare di regalare un sorriso è quasi diventato un appuntamento fisso tanto che collaboro con diverse associazioni locali. Ho maturato tanta esperienza in ambito sociale con gruppi come pro loco e protezione civile. Ho collaborato con enti locali in occasione di eventi a tema dedicati ai bambini. Ho presentato diversi eventi musicali, educativi e sociali. Uno fra i più noti in zona Milano sud est è stato "Instradando" che ha fatto registrare circa 7.000 visitatori per tre anni consecutivi presso la città di San Giuliano Milanese. Si trattava della giornata finale di un progetto di formazione incentrato sul tema dell’educazione stradale  dedicato ai bambini ed inserito nel piano diritto allo studio delle scuole del Comune di San Giuliano Milanese. A breve, il prossimo mese di Giugno, mi divertirò presso un MilanJuniorCamp attorno al progetto "Instradando In Campo". Avrò la fortuna di condividere con tanti bambini quello che è sempre stato il mio mondo: "pane, pallone e divertimento". Infine amo il mare, passeggiare sulla spiaggia con la mia amata Carla in serenità. Amo stare con la mia splendida famiglia che è e resta il valore centrale di tutta la mia vita. Amo vivere e sorridere godendo ed apprezzando quello che mi offre ogni singola  giornata della mia vita.
Un giornalista qualche anno fa mi dedicò un articolo definendomi un fior “Fiorello” di presentatore. Questa definizione  mi stimolò tanto e capii che riuscire a far divertire tante persone poteva essere anche una sorta di missione per la mia vita in un mondo pieno di nervosismo e malumore. Una bella risata è sicuramente più sana ed efficace di qualsiasi antidepressivo. Riuscire a regalare sia pur un solo momento di spensieratezza alle persone che incontro rappresenta  per me un'immensa felicità.
  

Torna ai contenuti | Torna al menu